Mailing List e Lead Generation

lead generation ristoranti: l’elenco degli indirizzi email (leads) dei tuoi clienti si chiama mailing list ed è il tuo Patrimonio più grande.
Il modo per acquisirli si chiama Lead Generation.

A livello di Marketing, come dicono i businessman  e gli esperti americani: The Money is in the List!

Ma a cosa si riferiscono esattamente?

Significa che devi avere una Lista dei tuoi clienti, effettivi e potenziali, con loro nome, email ed eventualmente telefono.

Più questa Lista è GRANDE e SPECIFICA e Più Soldi porterà nelle tue Tasche!

Se vuoi sapere cosa si intende per Grande e Specifica, come fare per incrementarla e perché è così importante, leggi il resto dell’articolo.

Hai già richiesto il “Check-up della tua Presenza Online?”

In tal caso, avrai notato che una delle condizioni per avere un buon punteggio (domanda #6), è quella di avere gli indirizzi email di almeno 1.000 persone.

Averne un migliaio è la base minima iniziale, ma per Lista GRANDE si intende almeno 2.000 indirizzi o più, così il discorso inizia a  farsi molto interessante e ti può dare, se ben sfruttato, ritorni economici importanti e fare una grande differenza tra te e la concorrenza. >>Se vuoi ricevere la mia Newsletter e scaricare la Guida Gratuita: “8 Utili Consigli su Come Rispondere alle Recensioni su TripAdvisor ed Aumentare la Popolarità del tuo Locale!” >> CLICCA QUI! <<

Se 1.000 o 2.000 indirizzi ti possono sembrare tanti ed un obiettivo difficile da raggiungere, considera quante persone mangiano nel tuo locale nel corso di un anno. Sono sicuro che il loro numero sia svariate volte superiore, giusto?(1)

Bene, immagina che ciascuna di loro ti lasci la propria email o, stando bassi, solamente una persona ogni 4 o 5, quanto fa in un anno?

E se avessi iniziato da almeno 2 o 3 anni a fare Leads Generation, a quest’ora quante ne avresti già raccolte?

Quindi, anche se non hai  ben presente l’importanza di una ricca mailing list o non hai idea di come potresti sfruttarla, il mio consiglio spassionato è:

inizia a chiedere l’indirizzo email ai tuoi clienti, a partire da… Subito!

Se sei consapevole di ciò ed intenzionato a farlo, immagino che ti starai chiedendo: “Sì, ok, ma come faccio ad invogliare i clienti a lasciarmi i loro indirizzi email, senza rischiare di infastidirli?”.

Esistono vari modi, più o meno efficaci ed opportuni, ma il migliore, a mio parere, è quello di preparare degli appositi biglietti pre-stampati, da lasciare sul tavolo verso la fine del pasto, insieme ad una penna, in cui chiedere Nome di battesimo e Cognome (facoltativo), indirizzo email ed eventualmente, ma lasciandolo opzionale, il numero di telefono e niente altro, perché se chiederai troppe informazioni e “lavoro” da fare, le persone tenderanno a lasciar perdere.

Come creare la tua mailing list senza infastidire i clienti

lead generation ristoranti: il modo migliore per avere l’indirizzo email dei tuoi clienti è chiedergli di scriverlo su un biglietto verso la fine del pasto. Soprattutto se saranno soddisfatti della tua cucina, lo faranno molto volentieri.

Tale richiesta va giustificata, a voce e/o scritta sul biglietto: se vuoi che il cliente ti lasci la email, deve essergli ben chiara la “ricompensa” e deve essere rassicurato sul fatto che non gli intaserai la casella di posta con decine di messaggi al giorno.

Il mio consiglio è quello di fare presente che avrà il vantaggio di essere avvisato sulle future iniziative del locale, serate speciali, degustazioni, eventuali promozioni, manifestazioni ed eventi organizzati in zona  ed altre informazioni e suggerimenti che potranno essere utili ed interessanti PER LUI.

Infatti, è bene che veda il beneficio che potrà personalmente riceverne, altrimenti sarà meno propenso a lasciarti i suoi dati e la potrebbe vivere come una scocciatura.

Esistono altre forme, più evolute o tecnologiche per chiedere l’email, ma la sostanza non cambia.

Se, nonostante l’invito a farlo e le suddette rassicurazioni, dovesse lasciare il biglietto in bianco, evita di farglielo presente o di chiedere spiegazioni, mi raccomando.

I motivi possono essere molteplici, ma non fa differenza, non insistere, perché sarebbe controproducente e, come vedremo, la sua email non ti servirebbe a nulla.

Questo è ciò che puoi fare per quanto riguarda le persone che hanno mangiato da te, ma, per quanto riguarda quelle che non sono ancora venute a trovarti?

Come puoi raccogliere gli indirizzi email di nuovi potenziali clienti?

Esistono diverse possibilità e, per ottenere un buon risultato, devi prevedere un piccolo investimento e ricorrere agli annunci online a pagamento. In ordine di mia preferenza, si tratta essenzialmente di:

  1. Facebook Ads
  2. Google Adwords

Anche in questo caso, vale lo stesso principio esposto in precedenza per i biglietti al tavolo: se vuoi che le persone ti lascino la loro email, dovrai offrire loro un premio, che, in questo caso, deve essere specifico, ben preciso, realmente valido e pertinente con il pubblico di tuo interesse.

Su come sfruttare al meglio questo tipo di annunci e le differenze tra una campagna su Facebook ed una su Google, dedicherò prossimamente uno specifico articolo.

La seconda caratteristica fondamentale che deve avere una Mailing List, perché sia efficace ed utile al tuo business è quella di essere SPECIFICA.

Perché abbia senso e dia buoni risultati non basta che sia cospicua e di almeno 1.000 o 2.000 nominativi, ma deve essere formata da indirizzi lasciati volontariamente da persone in target con la tua offerta eno-gastronomica ed in linea con il tuo posizionamento, come illustrato in questo articolo: Devi Essere il Numero 1!

Infatti, se fosse costituita da email prese qua e là o, peggio ancora, acquisendo un data base dalle aziende che li vendono, avrai i seguenti pessimi risultati:

– ti servirà a poco o nulla

– avrai pochissime “conversioni”, cioè destinatari dei tuoi messaggi che diventano tuoi clienti in carne ed ossa o che decidono di tornare a mangiare da te

– infastidirai le persone, con il rischio che mettano una bella croce sul tuo locale e decidano di non metterci piede, anche se fosse il migliore o l’unico al mondo!

– si toglieranno dalla Lista, mediante l’apposito link, che sei tenuto a riportare nelle tue email.

Se invece hai fatto una buona Leads Generation ed hai iniziato a costruirti una mailing list con le giuste caratteristiche, nasce il problema di come e cosa comunicare alle persone iscritte, fare in modo che aprano e leggano le email e che i tuoi messaggi producano un risultato positivo e concreto.

In questo caso esistono diverse possibilità e aspetti di cui tener conto che meritano maggiore spazio o che possiamo esaminare nel corso di un apposito incontro e, a seconda dei tuoi obiettivi, valutare insieme quale servizio o iniziative potrebbero essere più adatte e produttive per te ed il tuo locale.

Per cui non farti problemi, se vuoi scoprire come incrementare e sfruttare al meglio il tuo Patrimonio, non perdere tempo e contattaci CLICCANDO QUI!

Email Marketing

lead generation ristoranti: quando si tratta di gestire e comunicare con la tua Lista di indirizzi email, il “fai da te” può essere molto dannoso e i tuoi messaggi rischiano di finire per sempre nella SPAM, la posta indesiderata.

Ti suggeriamo, ad ogni modo, di evitare il Fai da Te, usando il tuo abituale programma di posta per inviare le email ai tuoi utenti. Così facendo, è probabile che oltre il 50% dei messaggi non arriverà a destinazione, sarà classificato come Spam e non raggiungeranno mai più quelle persone.Inoltre ti perdi la possibilità di vedere quanti e quali destinatari le apriranno e chi no.

Per cui, il nostro consiglio è quello di sfruttare il pacchetto completo “chiavi in mano” di Email Marketing, che possiamo offrirti ed abbiamo studiato apposta per le tue esigenze, o, quanto meno, anziché usare Outlook Express, Gmail o simili, sfruttare uno dei servizi dedicati allo scopo e disponibili online, con un piccolo canone mensile compreso tra i 15 ed i 30€ circa, a seconda del numero di indirizzi della tua mailing list da gestire.

Sono appositi software denominati Autorisponditori, che, oltre ad essere molto comodi ed efficaci,  hanno precisi accordi con i maggiori servizi di mailing online, per cui i messaggi provenienti dal loro sistema difficilmente finiscono nella Posta indesiderata.
Di questi Aweber è sempre stato il numero 1, ma oggi è preferibile usare Get Response, perché è disponibile in lingua italiana e, soprattutto, è l’unico, al momento attuale, a consentire di importare nelle sue liste gli indirizzi email dei tuoi clienti, raccolti come descritto in precedenza.

Se ti interessa sapere quello che possiamo fare per migliorare la tua comunicazione online, visibilità e incrementare il numero di coperti ed il tuo fatturato, lascia i tuoi dati qui o scrivi un commento.

Al tuo Successo!

Mario Menzio 2

Mario Menzio

Nota (1): se non arrivi ad almeno 7.000 coperti all’anno, a meno che tu non abbia un locale da soli 10 posti, e dando per scontato che la tua cucina ed il tuo servizio siano validi, contattami, così posso mostrarti cosa potresti fare per incrementare notevolmente il loro numero, investendo poco o nulla.

p.s.

Se ti è piaciuto ed hai trovato utile questo articolo, condividilo in modo Social, cliccando su una delle opzioni qui sotto: